HomeCultura ╗ Proverbi Piemontesi

Proverbi Piemontesi

Share |

Qui di seguito vi proponiamo una selezione di proverbi piemontesi

(a fianco di ogni detto troverete la traduzione in lingua italiana)

 

"La raserenà dla noit a dura gnanca fin che l'disnè a le coit"
"'l tort a treuva mai d'alogg"
"Venta scavà 'l pôs prima d'avei sei"
"Chi sent e tas, a god tut 'l mônd an pas"
"A forsa ‘d nuiusè càich cos a s'gava sempre"
"A l'è pi prest pià ‘n busiard che ‘n sop"
"L'aja l'è le spesiàri d'i paisan"
"A ese galantom as dventa nen sgnùr"
"A gùssa a gùssa a s'fora la pera"
"A s'ripara nene a i mai cùn d'lacrime"
"A fese bin vurei a-i van ben poc"
"A l'è nene d'cure, ma d'arivè a temp"
"A l'è mac le mutagne c'a s'ancuntru nen"
"A s'sa duv'a a s'nas ma a s'sa pa ‘nduv a s'meuir"
"A ciamè s diju che a s'perd mai gnente"
"A l'è mei frustè de scarpe che d'linseui"
"A val pì la pratica che la gramatica"
"A-i-è nen bela scarpa c'a dventa nen brut savat"
"A fa bel fèse larg cun la roba d'j autri"
"A l'è mei ese padùn magher che lavurant gras"
"A l'è buna la forsa ma mej l'ingegn"
"A l'è brùt a serve, ma pì brùt fese serve"
"A la seira liùn, a la matin plandrùn"
"A l'è prest butà ‘na cativa custùma"
"A tùte le cose a-i-va so temp"
"A l'è pa tut ‘nfreidà lò c'a tùs"
"A vive ‘n campagna la sanità a i guadagna"
"J afè as rangiu per stra"
"Agiss ben e lasa dì"
"Ant i camp a s'viv, an te ca a s'meuir"
"Agiùtme ch'i-j-t agiutrèu"
"A l'è mei n'amis che des parent"
"L'Asu a cunos nen sua cùa, fora quand a l'à pì nen"
"L' butal a dà ‘l vin c'a l'à"
"Le busie a sùn cùm j sop, c'a s'cunosu da luntan"
"A paghè cum' a meuire a-i-è sempre temp"

La rasserenata notturna non dura neanche fino a mezzogiorno.
Il torto non trova mai l'alloggio
Bisogna scavare il pozzo prima di aver sete
Chi sente e tace si gode tutto il mondo in pace
A forza d'importunare qualcosa si ottiene
Si fa più in fretta a prendere un bugiardo che uno zoppo
L'aglio è il farmacista dell'uomo di campagna
Onestà non arricchisce
A goccia a goccia si buca la roccia
I mali non s'annullano con le lacrime
A farsi voler bene, basta poco
Non conta il correre, ma l'arrivare in tempo
Soltanto le montagne non s'incontrano
Si sa dove si nasce, ma non dove si muore
Non si perde mai niente a domandare
Meglio consumare scarpe che lenzuola
Meglio la pratica che la grammatica
Non esiste bella scarpa che non diventi ciabatta
Comodo farsi strada con le cose degli altri
Meglio essere padrone magro che grasso garzone
Bene la forza, ma l'ingegno è meglio
Triste servire, ma più triste farsi servire
Di sera leone, al mattino poltrone
Un'abitudine brutta, cresce in fretta
Ogni cosa ha bisogno di tempo
Non tutto è raffreddore quel tossire
Nel vivere in campagna, la salute guadagna
Gli affari si sistemano in cammino
Tu fa bene e lascia dire
Nei campi si vive, in casa si muore
Aiutami che t'aiuterò
Meglio un amico che dieci parenti
L'asino si accorge della coda solamente quando non l'ha più
La botte dà il vino che ha
Le bugia, come gli zoppi, si distinguono da lontano
Per pagare, come per morire, c'è sempre tempo

fonte: dalla rete


A boce ferme a s’avra chi guadagna
A bocce ferme si saprà chi vince
 
A forsa ‘ d nuiusè chaich cos a s’ gava sempre
A forza di importunare qualcosa si ottiene
 
A l’è pi prest pià ‘n busiard che n’ sop
Si fa più in fretta a prendere un bugiardo che uno zoppo
 
L’aj a l’è le spesiàri d’i paisan
L’aglio è il farmacista dell’uomo di campagna
 
A caval spùn a la fùmna bastùn
A un cavallo sprone, alla moglie bastone
 
A ese galantom as dventa nen sgnùr
Onestà non arricchisce
 
A gùssa a gùssa a s’fora la pera
A goccia a goccia si buca la roccia
 
A chi berlica ‘l gram, cunfidiè nen l’ bùn
Achi lecca l’amaro non affidate il dolce
 
A l’è vei chi meuir
E’ vecchio chi muore
 
A-i avansa mai carn an becaria
Carne in beccheria non ne rimane mai
 
A l’è nen d’cure, ma d’arivè a temp
Non conta il correre ma l’arrivare in tempo
 
A l’è mac le muntagne c’a s’ancuntru nen
Soltanto le montagne non si incontrano
 
A ciamè a diju che a s’perd mai gnente
Non si perde mai niente a domandare
 
A s’peul nen gavese d’sang da ‘na rava
Non si può togliere sangue da una rapa
 
A val pì la pratica che la gramatica
Meglio la pratica che la grammatica
 
A l’è mei ese padrùn magher che lavurant gras
Meglio essere magro padrone che grasso garzone
 
Al ’è buna la forsa ma mej l’ingegn
Bene la forza ma l’ingegno è meglio
 
A l’è prest butà ‘na cativa cistùma
Un’abitudine brutta cresce in fretta
 
A vive ‘n campagna la sanità a i guadagna
Nel vivere in campagna la salute guadagna
 
As’fa gnùn matrimoni sensa c’a s’fica ‘l demoni
Non si fa un matrimonio senza il dito del demonio
 
A la neuit a s’artiru i galantom e le birbe a seurton
A notte i galantuomini rientrano ed escono le birbe
 
Al’è mei n’amis che des parent
Meglio un amico che dieci parenti
 
Anleva i to fieui da pover s’i –t-i veuli rich e cuntent
Se vuoi ricchi e contenti i figli tuoi allevali da poveri
 
Anada da bulè anada da tribulè
Annata fungosa annata penosa
 
L’anbisiùn a riuna le famije
L’ambizione è la rovina delle famiglie
 
Aria ‘d filùra aria d’sepùltura
Corrente di fessura corrente di sepoltura
 
L’avar a l’è cum’l crin a serv dop mort
L’avaro è come il maiale buono da morto
 
Quand a trùna d’avril gran’nt ‘l sac e vin ‘nt ‘l baril
Quando tuona già d’aprile grano nel sacco, vino nel barile
  
La prim’aqua d’agùst a porta via ùn sac d’pùles e ‘d musche
La prim’acqua d’agosto porta via un sacco di pulci e mosche
 
La bùna grùpia fa la bùna bestia
La greppia buona fa la bestia buona
 
Beive na cupà d’vin per fè buna ganba
Bere un bicchiere di vino per fare un buon cammino
 
Le busie a sùn cùm j sop, c’a s’cunosu da luntan
Le bugie come gli zoppi si distinguono da lontano
 
Ant i caud a bsogna stè luntan da la fumna
Durante la calura scostati dalla moglie
 
La ca va sempre mal quand la fùmna a porta le braje e l’om ‘l scussal
La casa va male se la donna ha le brache e l’uomo il grembiale
 
Cel fait a lana, a pieuv ant’la smana
Cielo a fiocchi di lana, pioggia nel giro d’una settimana
 
Per cunose ùn a bsogna mangeje pi d’na volta ansema
Per conoscere qualcuno bisogna stare in tavola con lui più di una volta
 
Chi a l’à un mestè per le man, a i manca mai’l pan
Non manca il pane a chi ha un mestiere in mano
 
Chi a veul fè murì sua mujè c’a la mena al sùl d’fervè
Chi sua moglie morta vuole, in febbraio la porta al sole
 
Chi mangia ra micca c’u mangia ir firmaje
Chi mangia la pagnotta mangi anche le briciole
 
Chi a pija na fumna senza nent, fina a la mort a s’arsent
Chi prende moglie nullatenente fino alla morte se ne risente
  
Chi ben sara ben deurv
Chi ben chiude ben apre
 
Chi mangia ‘l pan sensa vagnelu a l’è cùme rubèlu
Chi mangia pane non guadagnato lo mangia come se l’avesse rubato
 
Chi veul fè meurire’l marì-c’a i daga d’pùr al meis d’avrì
Chi vuol far morire il marito gli dia dei porri nel mese d’aprile
 
Dop d’avei mangià e bu’na fùmna a val ‘n scù
Dopo il cibo e dopo il bere una donna può valere
 
‘L diau a fa la tùrta e le done a la fan mangè
Il diavolo ha fatto la torta la donna sul piatto la porta
 
An dsember fioca sensa gelè a val pe’ i gran pì d’un liamè
Se il dicembre è nevoso e non ghiacciato serve al grano più che averlo concimato
 
Dulùr d’vidua dulùr d’gùmu
Il dolore della vedova è come un dolore al gomito
 
La moda a cambia tùti j ani le teste dle fùmne tùti i mument
La moda cambia ogni anno le teste femminili cambiano ogni momento
 
La mort ciapa tùt bel e brùt
La morte arraffa tutto, il bello e il brutto
 
‘L meis d’magg fresch e bagnà a l’è bùn per la vigna e per ‘l prà
Mese di maggio fresco e bagnato giova al vigneto e al prato
 
La neige d’fevrì ne fa plus bi
La neve di febbraio non dà più vantaggio
 
Nebia d’utùber e pieuva d’nuvember tanti bin dal ciel a fa dissende
Nebbia ottobrina e pioggia di novembre tanti doni del ciel fanno discendere
 
Pardunè a l’è da cristian ma desmentiè a l’è da bestia
Perdonare è da cristiani, dimenticare da bestia
 
Pitost che travajè la tera per mol-statne a cà a fè ‘l fol
Non zappare il terreno quando è molle, piuttosto a casa tua resta in panciolle
 
Pasqua piuvùsa anada granùsa
Pasqua con pioggia, buon anno da grano
 
Prest a let e prest fora del let a fan l’om san e perfet
Presto nel letto e presto su dal letto uomo sano e perfetto
 
Quand tante steile a cùru ‘n setember, i butai a sun cit a nuvember
Se tante stelle cadono a settembre, scarse le botti sembrano a novembre
 
Quand le nivule a van a la muntagna pia la sapa e va an campagna
Quando le nubi salgono in montagna prendi la zappa e va nella campagna
 
Se’l gal a s’grata ‘l darè la pieuva peul nen tardè
Se il gallo si stropiccia il deretano la pioggia non può essere lontana.
 
Fonte:  “Proverbi piemontesi” di Tino Richelmy presentati da Mario Soldati

Powered by Mk Media - Sitemap - rss RSS